Il sambucino

Lo so, nonostante abbia vissuto un pò qua e un pò là e non dovrei stupirmi…invece sì, a mo’ di chi non ha mai messo fuori il naso dalla porta!

Quelle cose che capitano, quegli incontri buffi…

Ho qualche giorno di vacanza, vacanza vera con una amica,voglio farle conoscere un pò di Sicilia, da Palermo alla costa sud e l’interno, la zona della mia famiglia, Sambuca con le sue montagne, boschi, e il lago dove le vigne si perdono a vista d’occhio.
Voglio portarla a fare una passeggiata tra i vigneti e le splendide colline che circondano il Lago Arancio sullo sfondo del piccolo paese di Sambuca.
Decidiamo di mangiare lì, sotto un fico, e che meraviglia allungare la mano per prendere questi succosi frutti direttamente dai rami, non dalle vaschette asettiche dei supermercati.
Che delizia!
Che tranquillità…la strada è una strada chiusa che porta dove c’è una diga, il lago è artificiale, non c’è transito, solo il suono dei grilli e del vento.
Flo, la mia amica è rapita dal paesaggio e si perde tra le vigne a fotografare.
Io rimango, lì sotto il fico, con lo sguardo perso.

Una macchina.
Si ferma pure davanti a me…ma…cosa…come ti permetti di rovinare questo idillio…ma chi sei, che vuoi!??!!?

Un cinese.

Un cinese, sembra proprio un cinese, lì, qui a Sambuca, un cinese non nel suo negozio di vestiti o tuttoedipiù.

No, qui, al lago, a Sambuca.

Ci guardiamo, ci scrutiamo.
Prende qualcosa dalla macchina, non guardo più, mi sento troppo indiscreta.
Ahhh dai, che muori di curiosità!
Che sta prendendo dalla macchina questo cinese, solo, qui, a Sambuca, al lago?!?

Sorrido, un pò per me, un pò per creare un legame con lui, ci guardiamo curiosi, lo saluto.
Mi scruta un pò.

E io col fico in mano.

Mi sorride.
Apre il bagagliaio dell’auto e ne tira fuori una canna, da pesca.

“Vai a pescare?” gli chiedo.
“Si, abiti qui?”
“No, ma c’è la casa di famiglia, ho qualche giorno di vacanza”
“E dove abiti?”
“Ora a Palermo”
” E dove?” chiede con un sorriso a 100 denti
“Vicino la fiera del Mediterraneo”
“Anche io abito a Palermo, vicino alla stazione”

Penso, ma dai…ma dai…
Un cinese, che abita a Palermo, vicino alla stazione, e certo, lì ce ne sono un sacco di cinesi, e viene a pescare a Sambuca, da solo, da Palermo fin qui, al lago, a Sambuca?!?!?

“Ma dai, che combinazione! e da Palermo vieni a pescare qui?!?”
” E’ tranquillo e sono solo, tranquillo”
” E che pesci si pescano?”
“Pesci, grandi!”
“Ma di dove sei originario?”
“Cina, Hangzhou, ma fino a quando rimani?”
“Ora vado a fare una passeggiata con una mia amica, facciamo delle foto, e tu quanto rimani?”
“Fino a stasera, posso vedere la macchina fotografica?”
“Certo, ti posso fare una foto?”

Sorride.
Si mette in posa, serio, click.

Si perde tra le vigne e riaffiora in acqua, nel lago, con la sua canna da pesca.

il_pesca_cino

cino_vigna

fortino_cino

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s